Care amiche,
evviva si parte! Un’immagine affolla la mente, il cuore, metafora della nostra vita, dei tanti passi che ogni giorno compiamo e che nell’Inner, che è tanta parte della nostra esistenza, dei nostri pensieri, delle nostre azioni, non misuriamo!
Ecco, siamo alla stazione, in attesa, trepida del nostro trenino, a cremagliera, quello che ci porterà alla meta, lo sguardo ne sonda la provenienza ed …ecco lo vediamo arrivare, sbuffando si avvicina, poi si ferma, apre le sue porte, accoglie e fa accomodare quanti vi salgono poi riparte! Il tempo è bello, tutto fa presagire un bel viaggio, siamo piene di speranza, di attese, di illusioni! Si avvicendano i passeggeri, questa folla così diversa, eterogenea eppur così simile, così unita, in un comune respiro! Ognuno il suo percorso, il suo bagaglio, le sue esperienze, le gioie ed i dolori, il suo vissuto, tutti vi sono accolti e portati a destinazione!
Ed il treno? Affronta terreni pianeggianti dove può correre libero, poi colline su cui, sbuffando, inerpicarsi, entra in gallerie, sfreccia sui viadotti, non si stanca mai, macinando chilometri e chilometri si prepara alla montagna che arriva e bisogna superare! I Macchinisti aumentano le attenzioni, i fuochisti incessanti buttano carbone, i volti anneriti, piano piano il trenino sbuffando affronta l’ultima china, con lo sforzo di tutti gli addetti guadagna la cima, la vetta è raggiunta! Poi la discesa…
E noi, care socie Inner, siamo pronte? Ad ogni inizio d’anno, di incarichi, di responsabilità, con la gioia nel cuore e tante speranze, possiamo sentirci inadeguate, e pur sforzandoci di essere all’altezza del compito che ci aspetta, avvertiamo apprensioni che solo nel tempo, spero, svaniranno! Ci saranno incognite, forse affronteremo momenti difficili ma siamo certe che se sapremo camminare assieme, l’una con lo sguardo nell’altra, il nostro percorso, non importa quale, sarà più agevole e ce la faremo a raggiungere la meta”,la meta far progredire e crescere questa nostra Associazione che ha bisogno del sentire operoso e vitale di tutte le socie, nessuna esclusa!”
Insieme ce la faremo, ancora una volta!
Buon cammino!
Ettorina