2021 / 2022


<< torna all'elenco

Messaggio di fine mandato.Presidente del Consiglio Nazionale Ettorina Ottaviani

E infine alla sua ultima stazione arriva sbuffando con un po’ più di fatica di quando è partito, con le poche scorte rimaste e con il desiderio di ritagliarsi un angolino, un po' in disparte, per ritrovare forze, per risistemare piccoli guasti e acciacchi, insomma per rimettersi a nuovo! IL nostro treno multicolore ha terminato la sua corsa e ancora l’eco dei suoi beni più preziosi, custoditi fino alla fine, risuona tra i vagoni, lestamente abbandonati! Ha accolto tutti lungo il tragitto, nessuno è stato lasciato sulla banchina, i tanti fruitori vi sono saliti e si sono accomodati sulle carrozze dove addetti premurosi ed efficienti li hanno accolti con gentilezza, con attenzione, con premura, fornendo loro ogni conforto, ogni informazione atta a rassicurarli sul tragitto! Con trepida emozione si sono affidati, incuranti delle salite a volte ripide, delle discese, degli scossoni inevitabili in ogni percorso, cullati dal dondolio, quasi una ninna nanna! Ne è scesa di neve, il maltempo ha imperversato, i guasti improvvisi qualche sconforto lo hanno provocato ma la carrozzeria, all’apparenza un po' malandata, è robusta, con una buona tenuta, e anche stavolta le sue mete le ha raggiunte! Adesso a fina corsa quando anche il capotreno è sceso, guardando indietro alla sua creatura con un filo di malinconia, rivede i tanti bellissimi momenti di questo lungo viaggio, le emozioni condivise, i pensieri, i volti tutti belli, tutti radiosi, rivede gli sguardi che a quel capotreno hanno chiesto certezze, in lui riposte con fiducia. Quando anche l’ultimo passeggero è arrivato a destinazione, arriva il momento di pensare e, impetuoso, il desiderio di ringraziare quegli addetti che, stretti al loro capotreno, con altruismo, sensibilità, competenze e senza risparmio di energie hanno permesso a quel treno di affrontare fino all’ultima corsa, non la più difficile, certamente la più misteriosa! Alla gioia per le mete raggiunte, per i traguardi conseguiti

il languore assale chi tanto ha dato chi tanto ha operato! Ed ora torniamo a noi, care socie tutte, amiche preziose! Nei vostri club operosi e di servizio, spinte da ideali e sentimenti, avete corrisposto con il cuore alle sollecitazioni, alle richieste anche timide verso i tanti punti dell’innovativo lavoro che il CN ha messo in campo e poi compiutamente realizzato! A voi tutte mie care il mio grazie infinito! Se poi ripenso ai risultati conseguiti dai Club sull’ambiente sfociati in mille progetti e realizzazioni mi commuovo, ogni appello, accolto oltre le previsioni, continua ancora oggi a produrre risultati! GRAZIE! E giunge per tutte noi il momento di guardare al futuro. Ci saranno care socie altre mete, altre partenze, altri percorsi, che dovranno trovarci tutte pronte, tutte “cariche” perché il treno dell’Inner, il nostro treno ha di nuovo bisogno di addetti e di passeggeri pronti e disponibili a farsi carico di grandi ideali, di impegni, di servizio, che sentano forte il desiderio di ripartire! Al capotreno che mi succederà affido un patrimonio ingente di cui aver estrema cura, il bene più prezioso e raro che alle sue mani capaci si affiderà! Mi troverete, se il cielo lo permetterà, sempre accanto a voi! Con affetto infinito La vostra sempre Ettorina!