2021 / 2022


<< torna all'elenco

E' POSSIBILE LA RICONCILIAZIONE TRA VITTIME E TERRORISTI?

Luciana Grillo dialoga con Angelo Picariello scrittore di “Un’azalea in via Fani”. Apre il primo incontro del ciclo SALOTTO D’AUTORE la Presidente IIW di Trento Castello Loredana Bettonte che saluta e ringrazia sia il numeroso pubblico presente in sala che i molti amici collegati da piattaforma. Con piacere presenta l’Autore che ci parlerà di un periodo storico ancora vivo nella memoria di milioni di italiani visto da un’angolatura completamente diversa nell’ottica di un pieno recupero sociale degli ex militanti della lotta armata Luciana Grillo socia onoraria del nostro club, scrittrice, giornalista e donna impegnata sul campo culturale, sociale e politico, dialoga con Angelo Picariello sul libro che racconta il viaggio nelle pagine più nere del terrorismo Italiano dalla strage di Piazza Fontana alla morte del Commissario Calabrese, dalla storia di Prima Linea e delle Brigate Rosse al rapimento e omicidio di Aldo Moro. L’autore, con Gerardo Panico, racconta come Trento sia stata il laboratorio del movimento rivoluzionario, nato nella Facoltà di Sociologia. Il lavoro del giornalista Picariello, pur mantenendo una rigorosa ricostruzione storica, si focalizza sui protagonisti vittime e terroristi e ne restituisce una loro umanità e i loro sentimenti. I luoghi, i ricordi affiorano e nel tempo dopo un processo di sincero pentimento in chi ha scontato la sua pena, emerge la speranza di riscatto che si realizza in una riconciliazione che coinvolge i famigliari delle vittime e uomini delle istituzioni. Durante il dialogo Picariello spiega che tutti i ragazzi hanno bisogno di buoni maestri, di vedersi indicata una strada in cui l’ansia di realizzazione per sé, di cambiamento, di giustizia, possa essere praticabile con obiettivi realizzabili per non abbracciare una strada sbagliata. Francesca Ferri