2020 / 2021


<< torna all'elenco

PARTECIPAZIONE AL CORSO DI FORMAZIONE - DISTRETTO 206 - SERVICE EDUCATIVO, PREMIO SERVICE E SERVICE UMANITARIO - Relatrici DANIELA SIGHEL IORATTI, FRANCA CINEFRA PEGOLOTTI e GIULIANA ZAGLIO

Partecipazione record per questo decimo ed ultimo Corso di Formazione. Cento Socie collegate. Ospite d’onore è stata la nostra Presidente Nazionale Angela Farina, che ha rivolto un saluto a tutte noi. Tre sono stati gli esempi di “Service” presentati. Daniela Sighel, prima relatrice, ha esordito illustrando il “Service Educativo”, del 2017-2018. Il progetto “Burro di Karité” è stato sviluppato partendo da un’iniziativa nominata Microcredito – Dignità alla Donna in Benin, nell’ambito di Missione Africa. E’ stato individuato e perseguito l’obiettivo di dotare di una linea meccanizzata per la produzione di questo burro al fine di sostenere una cooperativa di donne e ragazze del villaggio di Abitanga. Con grande slancio Daniela ha concluso sostenendo che NOI insieme siamo una GRANDE FORZA ed INSIEME possiamo lasciare un’IMPRONTA DURATURA. E’ stata Franca Cinefra, invece, ad introdurre il “Premio Club Service” nato, nel 1990, da un accordo tra diversi Clubs Service della Provincia di Vicenza. Questo Premio viene assegnato, a turnazione annuale fra i vari Clubs, in riconoscimento a persone, enti e istituzioni della città di Vicenza e provincia che si siano distinti nella realizzazione di interventi di particolare utilità e di servizio alla comunità. E’ questa l’occasione per dare, oltre al premio in denaro anche e soprattutto visibilità al lavoro svolto da queste associazioni non-profit. E’ stato emozionante e commovente il racconto fatto da Giuliana Zaglio, terza relatrice. “Ti invito a Cena”, idea nata nel 2015 a Brescia, è stata voluta e perseguita da una cordata di organizzazioni impegnate in ambito caritativo e sociale. Nelle 5 edizioni che si sono succedute sono stati coinvolti 10 chef stellati, 600 volontari e 2500 persone invitate. Una cena speciale, dove “chi paga non mangia e chi mangia non paga”. Una cena dove le stelle dei cuochi e quelle di Natale vanno a braccetto e dove l’arte culinaria e la generosità servono i più deboli.