Messaggio della Governatrice


Matera, 3 luglio 2020

Carissime Presidenti, carissime Innerine,
grandi difficoltà hanno caratterizzato lo scorrere del tempo.
Tutto era impegnativo, lo stare in casa, organizzare la danza delle ore,
uscire con l’autocertificazione.
Si toccava con mano il gelo, il sospetto, la paura.
Arriva il momento in cui il tempo decide per noi: il tempo arriva e riordina le cose, con un colpo di mano mette all’angolo tutto ciò che non doveva essere. Le avversità, nel frattempo, ci hanno reso più consapevoli e forti, ci hanno aiutato a crescere. Riscopriamo l’arte del pensare, oramai scomparsa dall’agenda del nostro quotidiano.
Siamo frastornate dal lasciarci vivere in un flusso corrente di impressioni epidermiche e nelle emozioni delle nostre protesi digitali.
Un contributo alla ripresa progettuale è possibile abbattendo il silenzio mentale e le inerzie del presente con l’attivazione del pensiero e la pratica dialettica .
Le idee sono la nostra ricchezza; soltanto le idee possono cambiare il mondo.
Le idee originali sono rare e sfuggenti, quelle comuni sono vecchie e risapute.
Occorrono sensibilità, attenzione e pazienza per estrapolarle dai contesti in cui si nascondono.
Saranno queste idee la chiave per un mondo migliore: il successo apparterrà ad ognuna di noi, sarà la vittoria di tutte e di ciascuna nella consapevolezza di aver vissuto una pagina di storia tra le più buie, la più triste, la più dolorosa.
Mariangela