Messaggio della Governatrice


Care Amiche,

ho ancora nel cuore il calore umano che ho trovato a Rimini in occasione dell'Inner Day!

L'accoglienza, da parte della Presidente e delle socie di Rimini, è stata non solo affettuosa, ma anche impeccabile nell'organizzazione: siamo state circondate da una premura così attenta e, nello stesso tempo, tanto efficace, che posso dire veramente di avere, io, ritemprato il mio spirito e credo di poter affermare che anche tutte le numerosissime Amiche intervenute abbiano potuto rinnovare e accentuare il loro senso di appartenenza alla realtà innerina e siano tornate a casa, a loro volta, con spirito più forte.
In occasione della conviviale a pranzo ho acceso le tre candele simboliche della nostra Associazione (anzi, vi invito a ripetere questo bel gesto anche nei vostri incontri conviviali): la piccola rappresenta il passato dell'Inner Wheel, la media rappresenta il presente e la grande rappresenta il futuro. I candelieri rappresentano i Distretti sparsi per il mondo, le candele rappresentano tutti i Club e le fiammelle rappresentano tutte noi, le Socie di tutto il mondo, che sono unite spiritualmente e vogliono rappresentare e dimostrare la loro universale amicizia.
L'accensione delle tre candele vuole quindi significare che mille candele spente non potranno mai accendere una fiamma, ma che basta una sola fiamma per accendere mille candele!
Ho rivolto un pensiero a tutte le Amiche che non hanno avuto la possibilità di essere presenti e anche un ricordo affettuoso per chi non è più tra noi.
E' stata una festa per noi presenti e sicuramente anche per tutte Voi che avete festeggiato nei vostri rispettivi Club: sicuramente avrete tutte ricordato e commemorato sia la figura della nostra beneamata Fondatrice Margarette Owen Golding, che nel 1924 ha dato vita alla nostra grande Associazione, che la figura di Helena Foster che, nel 1969, ha voluto che il 10 Gennaio venisse celebrato in tutto il mondo l'Inner Wheel Day: è commovente pensare che questa ricorrenza continua ad essere onorata da tutte noi in tutto il mondo.

Un ringraziamento a tutte le Presidenti che, con la loro dedizione e spirito di sacrificio, hanno reso gloriosa questa Associazione nei suoi 95 anni di vita e a tutte le Socie che hanno permesso che la nostra grande Famiglia innerina crescesse sempre più nel fervore e nel successo.

Un abbraccio affettuoso e viva l'International Inner Wheel,
Grazia Rosa









/////////////////////////////
Care Amiche,

in occasione del Santo Natale, vorrei condividere con voi un rito della mia terra d'Abruzzo: Lanciano, dove sono nata, è adagiata mollemente su una fascia collinare che, dalle pendici della Maiella, declina verso il mare Adriatico. È un prospero Comune, ricco di orgogliosa appartenenza al popolo antico dei Frentani, forte, bellicoso e con una tempra vigorosa, ancora oggi evidente, ma che, in occasione del Santo Natale, rivive una tenera consuetudine di cui vorrei farvi partecipi.
La sera del 23 Dicembre si rinnova una tradizione molto sentita: dalle 18 alle 19, richiamate dal suono di una piccola campana posta sulla Torre Civica, detta la "Squilla", le famiglie lancianesi si riuniscono intorno al membro più anziano e compiono il rituale di abbracciarsi tra loro scambiando doni; chi è in strada, al suono della Squilla, si ferma e scambia gli auguri con chi incontra.
Un respiro di stupore e di attesa pervade la città e si risolve in un ammaestramento morale; il sentimento religioso, che in questi tempi sembra affievolito, si tramuta nell'accettazione suprema di quel mistero dell'Essere in cui l'uomo può trovare miseria morale e disincanto spietato, ma anche la ragione ultima di una grandezza insondabile.
Quel suono, che si ripete con rintocchi lenti e cadenzati, suscita una forte risonanza negli animi e suggerisce il ritorno ad una condizione umana antica e diversa che, sia pure attraverso le sofferenze della vita (???????? ?????? di Eschilo), si rivela più piena, perfetta e consolatoria.
Gli abitanti di Lanciano hanno avuto la forza d'animo di rimanere fedeli alla propria natura; malgrado il materialismo dilagante a tutti i livelli, la Squilla costituisce l'esito della religiosità di un popolo arcaico, legato alle proprie tradizioni e fedele custode della propria identità. Quel tocco, così fuori tempo, rivendica l'elevatezza del pensiero, la nobiltà dei caratteri, in una sapienza pia e operosa, in adesione e nel rispetto di quel "Miracolo Eucaristico" custodito nella Chiesa di San Francesco, punto di riferimento e fonte di conforto di fronte al mistero del Destino e della Vita.
In quell'ora è come se l'afflato religioso venga percepito come un'esigenza e una garanzia di pace e serenità, con forte sentimento di aspettativa verso qualcosa di alto e nobile; si sente la speranza di vedere retribuiti sia il Bene che il Male compiuti dagli uomini secondo una misura immanente alla loro stessa esistenza, assegnando a ciascuno di loro, secondo i meriti, ricchezza e povertà, gioia e dolore.
In un momento in cui si dimentica spesso l'idea del Divino e della Trascendenza, la voce della Squilla si leva alta a proclamare i grandi principi della sua visione morale, con una solennità che suscita i brividi e commozione in chi ascolta e che rende ognuno più partecipe della grandiosità dell'Universo, assumendo il tutto quasi la maestà di un rituale, paradigma di uno stile di vita e di una forte aspirazione alla dignità intrinseca all'essere umano.
Ognuno, nell'armonia del suono, esprime la sua visione della vita, assecondando un atteggiamento di solenne responsabilità, di pentimento, di vitalità strenua e fiera, di religiosità vissuta in modo semplice, limpido e concreto.
Quando la campanella tace, è come un risvegliarsi da un sogno alla vita reale; dopo un po' si torna alla quotidianità e tutti, rinfrancati e rinnovati, rimangono ancora per un po' fermi, come incantati, ma... sono pur sempre uomini, donne e bambini del nostro mondo odierno: dopo quel momento di spirito, meditazione e preghiera, tornano al sano e brioso conforto di una cena tipica, gustata in allegria!

Auguro di cuore, a Voi tutte, di sentire una "Squilla" natalizia nei vostri cuori, che vi conforti, vi riporti al calore e al candore dell'infanzia, ai sogni, agli ideali e vi sostenga nella vita, dandovi la forza di continuare nel difficile "Mestiere di vivere", come scrisse Cesare Pavese.

Nello spirito natalizio, un affettuoso abbraccio alla nostra grande Famiglia Innerina,
Grazia Rosa



/////////////////////////////////////////////////////////////////


Carissime Amiche,

vi scrivo a conclusione della XLVII Assemblea Distrettuale svoltasi a Chieti lo scorso ottobre, in questo periodo dell'anno innerino che mi trova in viaggio per le visite ai Club.

L'Assemblea Distrettuale è la sede di incontro dei vari organi istituzionali, Club, Distretto, Consiglio Nazionale e Internazionale, tramite la Rappresentate Nazionale e tutte le Socie, provenienti da tutto il Distretto e anche da altri; tutto questo offre l'opportunità di confronto, di dialogo, di formazione e di crescita, secondo quanto suggerito dalla Presidente Internazionale Christine Kirby che, con il suo motto "Empower and Evolve", auspica che l'Inner Wheel sia presente sempre con maggior successo e sicurezza sociale.
Si deve sempre cercare di alimentare lo spirito di collaborazione e di solidarietà a favore della nostra Associazione, al di là degli interessi personali, cercando anche di accettare i cambiamenti, da considerare positivi, perché la società cambia e noi non possiamo rimanere estranee e isolate, e pertanto abbiamo il dovere di aderire a quanto suggerito dalla nostra Presidente Nazionale nella sua relazione, nella quale ha voluto proporci l'adozione della PEC (Posta Elettronica Certificata), che garantisce il valore legale dell'invio delle mail.
Dobbiamo essere Socie motivate, dando importanza, rispetto e stima ad ogni persona, conferendo così ai legami di amicizia un'autentica e leale espressione.
È stato perciò un grande piacere essere in questa Distrettuale e mi sono sentita onorata di rivedere il simbolo della nostra unità nazionale, la Presidente Anna Maria Falconio Di Trapani, la Rappresentante Nazionale Gemma Pirondini, la Board Director Ebe Martines, la Past Presidente Internazionale Gabriella Adami, che abbiamo avuto i piacere di avere con noi ospiti graditissime, insieme a tutte le autorità Innerine e anche Rotariane.
È stato un momento veramente importante, che ha riassunto in sé il desiderio e l'affermazione della rinnovata appartenenza alla nostra Associazione; fa nascere, nei nostri cuori, la speranza di un avvenire migliore, perché sappiamo di esserci e di dare, con la nostra opera, un risalto particolare al territorio nel quale viviamo, con un riconoscimento dovuto ed opportuno all'International Inner Wheel.
Fondamentale compito della nostra Associazione e di noi Amiche è quello di far conoscere ed apprezzare questa nostra grande Famiglia Innerina, per renderla sempre più prestigiosa, seminando, come dice la nostra grande Presidente Internazionale Christine Kirby, "non piante velenose, ma buoni semi" ("not poisonous plants, but good seeds"), prendendoci anche cura di noi donne, secondo il motto "Caring for women and girls", perché la salute psicofisica è la prima tutela dei diritti delle donne in quanto persone; solo così si può essere in armonia con se stesse e con il mondo, facendo così crescere la nostra autostima, essendo più consapevoli del ruolo che si intende svolgere e del senso che si vuole dare alla propria vita!
È stata un'Assemblea molto significativa, in cui abbiamo riaffermato la nostra forte adesione ai principi fondativi dell'International Inner Wheel:
1. promuovere l'Amicizia
2. incoraggiare gli ideali del service individuale
3. favorire la conoscenza internazionale.
Queste norme saranno per noi un legame forte e continuo che ci faranno sentire sempre più unite ed attive.

Un augurio affettuoso a tutte ,
Grazia Rosa Santarelli di Iorio

///////////////////////////////////////////////////


20 luglio 2018 - Messaggio di Buone Vacanze

Care Amiche Presidenti,

quest'estate mi trova in una posizione diversa e particolare: quale Governatrice di questo grande e vitale Distretto 209 da un lato sento la grande responsabilità di questa carica perchè è mio dovere portare avanti nel modo migliore gli impegni innerini e dall'altro ho il desiderio di rivedervi tutte quando verrò da voi in visita ufficiale; avrò l'occasione più bella e significativa di ritrovare i volti di voi Amiche, di riconoscere i sorrisi e le espressioni che ho avuto occasione
di individuare ogni volta che c'è stata l'occasione; sarà una grande gioia come è già accaduto nelle mie prime visite a L'Aquila e Sulmona.
In voi tutte il sentimento di cordialità affettuosa mi darà grande calore e accentuerà il senso più alto dell'unione che, pur tra mille difficoltà ed ansie permea questa nostra grande Famiglia a tal punto che non ci sentiremo mai veramente sole perchè sappiamo che dovunque ci sarà
un Club dell'Inner un'amica ci accoglierà col sorriso.
Agosto ci aspetta con le sue giornate di sole ai monti o al mare e ci sentiremo ristorate!
Io sono a Chieti su una collina che spazia dalla montagna al mare ed è in pieno svolgimento quella che va sotto il nome di "Settimana
Mozartiana", con negozi addobbati e giovani vestiti con i costumi dell'epoca del grande musicista; nei cortili e nelle piazzette si susseguono concerti e musiche salisburghesi con la folla che si divide fra un concerto e una recita di brani dell'epoca; molti scelgono la
frescura degli alberi e il profumo intenso dei tigli, altri si recano nei cortili solitamente appartati e silenziosi che ora risuonano di brani di toccante musicalità. Ma come sempre, il pezzo forte è
costituito da quello che si va gustando nei locali che offrono specialità viennesi e tutto quanto solletica i vari gusti di ognuno e, come si dice, tutti i salmi finiscono in gloria!
La cultura è certamente apprezzata, la musica è melodiosa, ma volete mettere un bel gelato rinfrescante? Un sollucchero! Avrebbe mai potuto immaginare il grande Amadeus che sarebbe stato protagonista di allegre
serate su questa collina tra musica, conferenze sulla sua vita e un finale in grande pompa nel Teatro Marrucino con importanti orchestre
filarmoniche?
Un talento eccezionale, un carattere estroso, apprezzato in vita ma
sempre assillato da problemi economici...onorato e ricordato qui da noi!
Bene, sono uscita fuori tema, ma alle Amiche si può raccontare qualcosa della propria vita.
Vi ringrazio per la vostra collaborazione e il vostro impegno e invio un
saluto affettuoso a Voi e a tutte le Amiche dei Club.

Buone vacanze con cieli azzurri, sole caldo e cuori sereni.

Un abbraccio, Grazia Rosa





///////////////////////////////////////////////////////////////

8 luglio 2018 - Primo Messaggio: alle Presidenti di Club

Cara Presidente,

mi felicito per la tua elezione ad una carica tanto prestigiosa e importante: il tuo carisma e la tua personalità saranno il supporto fondamentale di tutte le Amiche del tuo Club; questo è un compito impegnativo e comporta tanta responsabilità, ma, sicuramente, sarai un'interprete orgogliosa delle aspettative e dei desideri delle Amiche Innerine che sentirai tuoi e, pur con problemi che non mancheranno, avrai la gioia di percepire, attorno a te una generosa collaborazione e rafforzerai il senso di amicizia e di cordialità fra di voi e sarete più forti insieme ed in armonia.
E' con emozione che mi accingo a guidare questo Distretto: sono onorata di rappresentarvi assicurando sempre piena adesione ai principi della nostra Associazione, custode attenta della loro realizzazione.
Nel rispetto dell'autonomia del Club che ti accingi a dirigere, ti invito ad aderire al tema internazionale 2018-2019 della Presidente Christine Kirby, stabilito nella Convention di Melbourne, che recita "Empower and Evolve", ovvero "migliorate le vostre conoscenze e progredite"; durante la Convention dello scorso aprile è stato definito anche il nuovo progetto sociale triennale
"Caring for Women and Girls" rivolto alla tutela delle donne e delle ragazze.
Sarò sempre a tua disposizione con affetto, stima e rispetto.
Ti saluto affettuosamente insieme a tutte le Amiche del tuo Club che incontrerò volentieri nella mia visita ufficiale. Ti ringrazio per aver assunto la carica e ti auguro buon lavoro.

Grazia Rosa