Messaggio della Governatrice


Grazie di cuore per la fiducia che avete riposto in me affidandomi l’incarico di Governatrice , un compito che assumo con senso di responsabilità ed in quest’anno sociale farò quanto mi è possibile per non deludere le vostre apettative. Avrò certamente bisogno della collaborazione di tutte voi per portare a termine degnamente il mio mandato e confido che questa non verrà a mancare, come ne ho avuto prova in questo primo scorcio dell’anno.
Se il tema presidenziale dello scorso anno si basava su questa unità d’intenti, che non deve mai venir meno, quello di quest’anno “Touch a heart” ci aiuta nella comprensione di ciò che si intende per servizio individuale, un comportamento basato sulla gentilezza intesa in senso lato, non solo come disponibilità ad aiutare il nostro prossimo, ma anche interesse fattivo per tutto ciò che ci circonda, un’attenzione che coinvolga le persone e l’ambiente. In tal senso toccare un cuore, un tema che Oluyemisi nel suo messaggio espone compiutamente, dovrebbe diventare uno stile di vita, il leit motiv che accompagna le nostre azioni quotidiane. Non sempre è facile essere così generosi di se stessi e del proprio tempo nei gesti, nelle parole, negli ascolti, ma pensiamo che “touch a heart” è una formula che ci aiuta a vivere in armonia con noi stessi e con gli altri. Non lasciamo che il toccare un cuore resti relegato nella sfera dei buoni propositi ma facciamo il possibile per metterlo in pratica.
Ed è ciò che auspico, quello di trascorrere un anno in unione e armonia, superando con l’aiuto di tutte voi ciò che può essere di ostacolo a raggiungere tale obiettivo.
Che i club al loro interno siano coinvolgenti; ogni socia è parte integrante del club e tutte le socie hanno pari dignità, nessuna si deve sentire emarginata e nessuna deve attribuirsi il ruolo di leader, anche la Presidente è un “primus inter pares” che coordina la vita del club, di cui tutte le socie sono responsabili.
Che i club non siano delle monadi in un mare d’incomunicabilità, ma si uniscano per la realizzazione di progetti comuni, onde evitare la dispersione di energie e razionalizzare le risorse. Fondamentale a tal fine è la comunicazione ed oggi la moderna tecnologia ci offre i mezzi per poter comunicare con più facilità e velocità del passato, approfittiamone.
Che in questo mondo devastato da violenze e discordie la nostra associazione sia un luogo di pace e amicizia, non lasciamo che divergenze e malintesi possano minare la serenità nostra e del club. Non dimentichiamo che, pur nella difesa delle nostre idee, il rispetto reciproco deve essere la base di una civile convivenza.
Ricordiamo infine che la nostra azione è rivolta a service nazionali e internazionali, il primo riguarda la ricerca sul cancro “Innerwheel con l’A.I.R.C.” e il secondo si rivolge ai bambini del mondo ”Happier Futures Better Lives”. Adoperiamoci per sostenere questi progetti.
Concludo inviando un caldo augurio di buon lavoro alle Presidenti ed alle socie.

Franca Seta